Commento al loghion 63, Vangelo di Tommaso, “Beato l’uomo che ha sofferto”

di